L’Anima scatta istantanee

Immagine 3
Petali di me“: Lucia Casavola

Tra le illustrazioni di Lucia Casavola, composizione relative all’Anima, alla Coscienza dell’Anima, ho scelto quella che è poi diventata la copertina del libro. Mi piaceva comunque l’idea di mostrare anche le altre illustrazioni (che non trovare nel libro) qui sul blog. La prima è “Petali di me“, un cuore con al suo interno un petalo rosso dal quale cade una lacrima. Rappresenta la Coscienza, la capacità di pensare, elaborare stimoli, pianificare azioni. Coincide, nella Poesia, con il senso di identità personale, con la capacità di separare il Sè da ciò che ne è esterno.

L’Anima scatta istantanee

memoria di un luogo momento particolare

Illustrazione di: Lucia Casavola 🎨

In copertina un abito con il cuore, simbolo di un luogo e/o di un momento particolare.

“Lo #specchio non mente mai. Indossiamo un “#vestito” che non ci appartiene. Proviamo a illuderci che sia quello giusto, poco importa se troppo largo o troppo stretto. Diventiamo quello che non siamo. Un vestito troppo stretto impedisce i nostri movimenti ma lo si indossa comunque perchè ci si sente protetti, sicuri, avvolti. Un vestito troppo largo è utile perchè puoi nascondere le tue debolezze, le tue fragilità, ma spesso nasconde anche la tua vera #Bellezza. Spogliati, resta nudo/a, fino a quando non avrai trovato il vestito adatto. Troveranno sempre il modo di cucirtene addosso uno non tuo, tu dovrai comunque ricucire la tua “pelle”. Quale vestito migliore? Lo specchio non mente mai, se sai guardare nel giusto modo l’immagine riflessa.”

del (disperato) bisogno di #Amore – e di #Musica – che ognuno nasconde” ~ Bruna Digregorio

L’Anima scatta istantanee

60727944_2669835543030977_1714829838264565760_n“L’Anima, secondo Platone, è immortale, è ingenerata, è indistruttibile e senza di lei nulla di vivo sarebbe stato o potrebbe essere. La narrazione, in forma mitica, della natura dell’anima e del suo Destino, è rappresentata, nel Fedro, dall’immagine della biga alata, un carro guidato da un auriga e trainato da due cavalli. Principio di movimento e con ciò di vita, l’anima è parte dello Spirito Cosmico insieme agli Dèi e la sua aspirazione più profonda è innalzarsi fino a vedere i Principi Eterni, i modelli ideali su cui si regge ogni cosa. Le ali dell’anima rappresentano questa aspirazione e quando cade in un corpo, perdendo le ali, a salvarla interviene l’Eros, l’Amore per la Bellezza, che spinge l’anima a volgersi nuovamente verso l’idealità. La potenza dell’ala è tale da condurre in alto ciò che è pesante, ma all’anima si presenta anche la fatica, la competizione eterna. Solo la pianura della verità è il pascolo adeguato alla parte migliore dell’anima e la natura della stessa ala si nutre di questo. La vista è forse il più acuto dei sensi, quello che permette all’anima di scattare istantanee che restano impresse nell’anima stessa, tuttavia, la vista non riesce a scorgere la saggezza. La Poesia può dunque essere interpretata come l’unica via d’accesso all’intellegibile. L’anima che perde le ali, cade in un corpo e diventa uomo, ma quella che sarà capace di guardare oltre, diventerà filosofo.”

 

Platone e l’Anima” – Bruna Digregorio